La ricerca di comfort e del benessere negli ambienti in cui si trascorre il tempo della propria vita e una condizione indispensabile quando si costruisce o si ristruttura un appartamento, una casa o anche un luogo di lavoro.

Il corpo umano si trova in uno stato di benessere (comfort termo-igrometrico) quando lo stato della mente esprime soddisfazione rispetto all’ambiente circostante (definizione dall’American Society of Heating Ventilation and Air-Conditioning Engineers - ASHRAE).
Ad esempio una temperatura ambientale omogenea e ben distribuita nelle stanze di un appartamento favorisce sicuramente
la sensazione di piacere e soddisfazione influenzando lo stile di vita e di lavoro.
Alcuni studi ed esperimenti (P. Ole Fanger) hanno messo in evidenza come in edifici residenziali con modeste condizioni di comfort termoigrometrico il rischio di malattie polmonari è molto elevato. Allo stesso modo negli uffici lo stato di malessere termo-igrometrico crea un abbattimento del grado di attenzione e di rendimento. Il benessere termo-igrometrico in un edificio varia in funzione di variabili quali temperatura dell’aria, umidita relativa dell’aria interna, temperatura media radiante ovvero la media
delle temperature dell’ambiente, velocita dell’aria.
 
I moderni sistemi radianti per il riscaldamento a pavimento diffondono il calore nell’ambiente per irraggiamento, garantendo un’importante sensazione di comfort e benessere.
L’irradiamento del calore dal basso verso l’alto, infatti, favorisce una sensazione di appagamento fisico generale, senza necessariamente alzare la temperatura ambientale. 
L’assenza di radiatori e convettori nell’impianto riduce inoltre lo spostamento dell’aria e delle polveri che possono provocare allergie alle persone sensibili.